E ADESSO? #ilteatroalzalatesta

#ilteatroalzalatesta

Cari colleghi, carissimo pubblico, cari amici,
In questo momento così drammatico per il settore culturale chiediamo il vostro aiuto, allineandoci in questa iniziativa con RES – REte Spettacolo dal vivo.

La protesta di piazza e sul web è sacrosanta e vitale. Crediamo, tuttavia, che alla protesta debba seguire il dialogo con le istituzioni; questo dialogo si fa ai tavoli della politica ai quali, finora, non siamo stati adeguatamente rappresentati.

Crediamo che, soprattutto in questo momento, sia opportuno iniziare a lavorare in prospettiva futura, senza rincorrere solo l’emergenza. Cosa sarà del teatro e della cultura quando l’emergenza sarà finita? Tornerà tutto come prima? La politica ci deve delle risposte. E questa volta vogliamo anche noi essere presenti al tavolo di discussione.
Per questo partecipiamo alla campagna #ILTEATROALZALATESTA.

Tre sono i punti fondanti:

  • un tavolo permanente per il teatro e la cultura con Regioni e Ministero;
  • un serio piano di rilancio del teatro e della cultura per il quinquennio 2021 – 2026;
  • una riforma profonda che metta al centro la tutela dei lavoratori e dei professionisti.

AZIONE CONDIVISA

Chiediamo a tutti di compiere un’azione condivisa alle 18:00 di oggi 27 ottobre:

  1. Cambiando le proprie immagini del profilo di FB, instagram e whatsapp con QUESTA IMMAGINE;
  2. Condividendo QUESTE IMMAGINI nel proprio profilo personale e/o pagina di compagnia di FB e instagram, accompagnate dal post: “In questi mesi ci siamo adeguati alle indicazioni e i protocolli del governo e del CTS rendendo le sale e gli spazi luoghi sicuri. A differenza di altri settori i nostri spettatori non entrano in contatto né con altri utenti, né con le maestranze né con gli artisti. La fruizione degli spettacoli è composta, tracciata, statica, i posti sono ad uso singolo, igienizzati e sanificati. Siamo stati rispettosi dello stato e di ogni sua norma. La nostra protesta è sempre stata ed è tuttora pacifica e civile. Abbiamo messo in campo professionalità, passione e risorse economiche per resistere alla pandemia. Nonostante questo ora siamo costretti nuovamente a chiudere. Il governo propone ora l’immediato ristoro per le attività. NON È SUFFICIENTE. Finora siamo stati invisibili, ma ora alziamo la testa. Se sei un lavoratore della cultura firma la petizione. Se sei uno spettatore o ami il teatro e la cultura, allora sei sempre stato al nostro fianco. Alza la testa con noi, firma la petizione (–> https://www.change.org/ilteatroalzalatesta). Se sei con noi condividi. #ilteatroalzalatesta“.

In questi mesi voi, pubblico, ci siete stati vicino e ci avete supportato, siamo certi che ci aiuterete anche in questa battaglia. L’unione di lavoratori dello spettacolo e pubblico potrà creare un forte consenso che potrà finalmente indurre la politica a prenderci in considerazione.
Il nostro compito sarà quello di mantenere saldo questo rapporto affinché questo 2020 non sia ricordato come l’anno zero del teatro.

Se sei un lavoratore della cultura firma la petizione.

Se sei uno spettatore o ami il teatro e la cultura, allora sei sempre stato al nostro fianco.

Alza la testa con noi, firma la petizione.

Se sei con noi condividi.

#ilteatroalzalatesta